Pane in padella con avocado: facilissimo

panini in padella con avocado 5461

Cosa hanno in comune “avocado”, “burro d’arachidi”, “codette”, “cocco rapè”?

Avete indovinato: un bel niente.

Ma se devi condurre un laboratorio di cucina senza fuochi e soprattutto senza attrezzi, (oltre che senza budget, ma questa è un’altra storia) questi sono i primi ingredienti che ti vengono in mente.

Me l’hanno chiesto a gran voce.

Le mie colleghe insistono da anni.

E quest’anno mi sono lasciata convincere.

Ma ho capito di aver sottovalutato il problema.

Che non è tanto perché è pure un laboratorio senza glutine (what else? Oltre me c’è anche un alunno celiaco…), – e siamo già a 4 senza -, ma è soprattutto un laboratorio senza (e siamo a 5) la minima idea, da parte delle mie colleghe delle minimi basi della cucina.

Così nella scelta degli ingredienti, i succitati sono stati banditi perché SCONOSCIUTI…

“Codechè???” 

“Codette” ho ribadito io senza scompormi. “Transeat, le porto io”.

E nemmeno quando le hanno viste hanno capito cosa fossero…

Per la prima lezione abbiamo fatto: datteri, mascarpone, e gherigli di noci.

Il delirio!

Sorvolo sul fatto che 2 buste su 4 di zucchero a velo potevano contenere tracce di glutine, per cui la difficoltà più grossa è consistita nell’evitare la contaminazione, il primo scoglio da superare è stato: “i datteri??? E dove si comprano??? Ingrediente troppo difficile!”

Ieri la seconda lezione.

Dolcetti al latte condensato e cocco rapè (e ho dovuto specificare che era farina di cocco, ma ho ricevuto lo stesso 4 telefonate perché non lo trovavano, che al super c’era solo la farina di cocco…).

Così mettiamo i due ingredienti insieme (inutile dire che ho ripetuto le dosi un milione di volte:1 lattina di latte condensato e 1 busta da 250 g di cocco), mescoliamo e poi facciamo le palline e passiamo sulle codette: FINITO… pensavo io.

A parte le domande su “cosa mettere prima?”, “come fare le palline?”, “perché bagnarsi le mani?”, “di cosa sono fatte le codette?”, “SICURA???”, ecc. ecc. la domanda all’assaggio è stata: “uh che dolci, ma non possiamo farli meno dolci?”

Dopo il primo momento di smarrimento, ho spiegato che era impossibile e perché lo fosse e pensavo di essermela pure cavata egregiamente. Ma mi sbagliavo, eccome se mi sbagliavo.

La solita collega mi risponde “non è possibile, ci deve essere un modo” e io mi comincio ad inalberare.

Perché se il laboratorio lo tengo io e non tu, e se tu non conosci nemmeno la parola “codetta” e non le riconosci nemmeno quando le vedi, evidentemente non puoi nemmeno sapere come trasformare questa ricetta, in una ricetta meno dolce.

Però, cerco di mantenere la calma e cercando di sdrammatizzare e considerando l’altrui più di me stessa, immagino che sia dotata di senso dell’umorismo e rispondo “sì, se togli il latte condensato, sarà meno dolce”, pensando nella mia mente contorta che si capisce bene che in una ricetta di soli 2 ingredienti, se ne togli uno, non è più una ricetta, ma un ingrediente e che perfino lei possa capire la differenza.

Ma mi stupisce e orgogliosa mi dice “hai visto? Lo sapevo!”

Rimango basita.

Poi aggiunge “e allora, lo rimpiazziamo con il latte normale?”

Dopo il primo moto di smarrimento, capisco. Non mi perdo d’animo e le fornisco la soluzione: un’altra ricetta, così le dico, “sostituisci il latte condensato con la ricotta, e metti lo zucchero che vuoi”.

Ma non la vedo convinta. 

E io che avevo esultato…

“Lo zucchero” mi dice, “è lo zucchero che dobbiamo eliminare, non  il latte!”

Ho una lunghissima strada davanti a me, ed è lastricata di  insuccessi!

panini in padella 4594

 

Queste focaccine sono altrettanto semplici (o da maiala effige, come dico io) dei dolcetti. Ovviamente non penso di riporre la ricetta a scuola, perché ci sono ben 5 ingredienti per le focacce e non parliamo del ripieno…

Però, so che voi, che siete i miei appassionati lettori (i soliti 25), siete molti più bravi delle mie colleghe e riuscirete a preparare questa leccornia!

Focaccine in padella senza lievito
Serves 8
Dele facili focaccine, gluten free, da fare all'ultimo momento, se siete rimasti a corto di pane!
Write a review
Print
Prep Time
10 min
Cook Time
10 min
Prep Time
10 min
Cook Time
10 min
Per le focaccine
  1. 200 g di farina per pane Nutrifree
  2. 130 g acqua temperatura ambiente
  3. 1 cucchiaio d’olio evo
  4. 1 cucchiaino raso di bicarbonato
  5. 1 presa di sale
  6. Per il ripieno
  7. 1 avocado
  8. 1 lattina piccola di tonno in scatola
  9. 1 cipollotto
  10. 6 foglie di basilico
  11. olio
  12. sale
Instructions
  1. Mettete la farina, il bicarbonato e il sale in una ciotola.
  2. Aggiungete l’olio e poi l’acqua.
  3. Mescolate con un cucchiaio, e poi continuate ad impastare a mano fino a ottenere un impasto morbido e omogeneo.
  4. Scaldate una padella antiaderente con un filo d’olio.
  5. Nel frattempo stendete l’impasto a circa 1/2 cm di altezza e tagliate dei cerchi con un coppapasta (o con un bicchiere).
  6. Cuocete le focaccine in padella, a fiamma moderata, 3-4 minuti per lato.
  7. Ungete di nuovo la padella per le focacce successive.
  8. Tagliate a metà e farcite.
Ripieno all'avocado
  1. Tagliate in due l'avocado e prelevate la polpa con un cucchiaio scavando all'interno di ogni metà.
  2. Tagliate il cipollotto e il basilico, lavato, a fettine sottilissime, mettete la polpa e il tonno, sale e olio e con una forchetta mescolate, schiacciando.
Notes
  1. Se volete fare le focaccine con la farina 00, diminuite la dose di acqua di 30 ml.
  2. Se cambiate farina e usate un'altra marca senza glutine, partite da 100 ml di acqua e poi aggiungete al bisogno.
  3. Vengono 8 focaccia piccole o 4 grandi che bastano per 2 o 3 persone al massimo.
  4. Le focacce sono vegane se cambiate il ripieno.
Cardamomo & Co. http://www.cardamomoandco.ifood.it/
panini in padella con avocado 5461

E con questa ricetta partecipo al 100% Gluten Free (Fri)Day

ilove-gffd

 

17 thoughts on “Pane in padella con avocado: facilissimo

  1. Non sono una ruffiana…. ma io ti adoro, queste tue ricette sono per me un grande tesoro! Sempre di corsa, con due bimbe, anzi 3 (ora ho la suocera a casa… chissà per quanto) ho bisogno di cose sfiziose, veloci e senza glutine!!! un abbraccio

  2. ti prego dimmi che non è vero!!! la storia delle colleghe intendo.. io avrei gettato la spugna subito.. ahahha!!! ah le focaccine sono deliziose e gustosissime!!!!

  3. Ahahah, ma come sei fortunata!
    E se provassi a rotolare i dolcetti nel cacao amaro? Dolci restano dolci, ma il cacao smorza un po’, d’altronde pure le colleghe quelle restano 😛
    Copio al volo il ripieno delle focaccine, ho una decina di avocado e domani avrò molti cugini affamati ospiti per un aperitivo, mi sembra perfetto!

  4. Mamma mia, mi hai fatta morire dal ridere! Eh sì, anche io sostituirei il latte condensato con il latte normale….ah ah ah….
    domandina: ma che ricetta hai fatto con datteri, mascarpone e gherigli di noci?

  5. Cara, la vedo davvero dura con le colleghe!
    Ho scoperto da una decina di giorni che la mia amica è celiaca ( …cioè lei lo ha scoperto da 10 gg) essendo amici di lunghissima data passiamo molto tempo insieme così sbircio spesso da te. Queste focaccine mi ispirano parecchio, mi sa che le provero’.
    Buona settimana, Barbara.

  6. che sei matta a metterti in questa situazione?!?!
    con le colleghe poi?!?!
    le colleghe vanno tenute alla larga dalla propria vita!
    comunque questi panini sono fantastici, e mi viene voglia di farli subito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *